Scoperti un gran numero di menhir in un muro in Sardegna

08Ago

Scoperti un gran numero di menhir in un muro in Sardegna

Cuccurru (Samugheo) – scoperto nella campagna sarda di un piccolo muro a secco fatto interamente di pietre erette rotte

La sorprendente scoperta nella campagna sarda di un piccolo muro a secco fatto interamente di pietre erette rotte, molte delle quali scolpite con figure umane stilizzate, potrebbe rendere il sito presso Cuccuru e Lai, nei pressi di Samugheo, uno dei più importanti santuari preistorici dell’isola. Mauro Perra, archeologo direttore del Museo Villanovaforru, ha detto che il ritrovamento potrebbe essere importante come le statue del Monte Prama, una scoperta unica con enormi valori storici e scientifici.
I menhir rotti risalgono all’età del rame, o circa 5000 anni fa, e si identificano perfettamente sul muro a secco, come essi sono stati spezzati probabilmente circa 70 anni fa, quando fu costruito il muro. Gli archeologi iniziarono a studiare l’area negli anni novanta, quando fu fatto uno scavo nei pressi di una tomba di giganti a Paule Lutturi; poi, nell’agosto del 2008 hanno trovato una serie di statue-menhir (pietre erette scolpite con tratti umani). Infine, in questo mese di luglio un nuovo scavo ha portato alla scoperta di circa 300 pezzi di pietre erette rotte “Intorno al III millennio a.C., i menhir antropomorfi si diffusero in tutta Europa. In Sardegna si possono trovare a Mandrolisai, Barigadu, a Laconi e Isili – in ogni area hanno i propri tratti simbolici. Alcune delle pietre scoperte a Samugheo hanno scolpiti volti, figure umane stilizzate e rovesciate a forma di u e un fregio centrale, con una griglia o un disegno a spina di pesce, ” ha dichiarato Mauro Perra.Su alcune delle statue scoperte di recente c’è anche un pugnale intagliato. “Questo è tipico delle pietre scolpite trovate nelle Alpi, ” ha detto il signor Perra. “È lo stesso disegno trovato sui menhir della Lunigiana. “Questo significa che la Sardegna preistorica non era una piccola isola isolata, ma un luogo che era parte di un più ampio movimento culturale”, ha aggiunto. Alcuni dei simboli scolpiti sulle pietre trovati presso Cuccuru e Lai sono completamente diversi da quelli delle pietre di Laconi. Perra ha detto: “Il vero significato dei simboli è ancora sconosciuto, ma queste pietre erette possono ben essere marcatori territoriali “. Le pietre più alte scoperte hanno circa 1, 20 m di altezza, ma la stragrande maggioranza è malamente rotta. Ora l’obiettivo delle autorità locali e della Soprintendenza Archeologica è di organizzare un laboratorio per consentire agli esperti di ripristinare le pietre rotte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *