Le più antiche costruzioni di legno al mondo

20Dic

Le più antiche costruzioni di legno al mondo

Sono dei pozzi che si trovano nella regione di Lipsia

Sono, al momento, le più antiche costruzioni in legno di tutto il mondo

Un gruppo di ricerca guidato da Willy Tegel e da Dietrich Hakelberg, dell’Università di Friburgo, è riuscito a datare con precisione quattro pozzi d’acqua costruiti dalle prime comunità di agricoltori dell’Europa centrale. Furono costruiti dalla cultura della ceramica lineare, presente in Europa all’incirca tra il 5.600 e il 4.900 a.C.
Le scoperte del team, pubblicate sulla rivista scientifica PLOS ONE, permettono una nuova visione della tecnologia preistorica. I quattro pozzi neolitici sono stati costruiti in legno di rovere. Oltre al legno, molti altri materiali organici, come resti di piante, manufatti in legno, corde di fibra di corteccia e recipienti di ceramica riccamente decorati, sono sopravvissuti per millenni sotto il livello delle acque sotterranee.

Antichi falegnami

Con l’aiuto della dendrocronologia, gli scienziati sono stati in grado di determinare gli anni esatti dall’abbattimento degli alberi. I test hanno rivelato che il legno proviene da enormi querce secolari abbattute dai primi agricoltori neolitici con asce di pietra tra gli anni 5.206 e 5.098 a.C.
Nel corso del sesto millennio a.C. in Europa centrale la caccia e stile di vita nomade lasciarono il posto a uno stile di vita sedentario con allevamento e agricoltura. Questa rottura nella storia del genere umano è stata definita la rivoluzione neolitica. Uno stile di vita sedentario richiedeva abitazioni permanenti, e le case sono inconcepibili senza una tecnologia di lavorazione del legno sviluppata, in altre parole, i primi agricoltori erano anche i primi falegnami.
Fino a ora gli archeologi erano solo riusciti a portare alla luce i segni sul suolo lasciati dalle case. I pozzi precisamente datati, consentiranno agli scienziati di condurre studi più dettagliati sull’importante ruolo delle tecniche di costruzione in legno, per l’adozione da parte del genere umano di uno stile di vita sedentario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *