Gioiello in vetro di epoca romana scoperto in Giappone

02Lug

Gioiello in vetro di epoca romana scoperto in Giappone

La scoperta si deve agli studi di un team di ricercatori del Nara (National Research Institute for Cultural Properties).

Gli archeologi giapponesi hanno annunciato di aver trovato in un tumulo vicino alla città di Kyoto (l’antica capitale dell’impero giapponese), un gioiello in vetro. Dai primi esami, hanno scoperto che probabilmente è antico tanto quanto l’Impero Romano.

Il gioiello

Il manufatto è stato rinvenuto nel tumulo di Utsukushi, presso il sito del cimitero di Nagaoka, risalente al V secolo d.C.
L’oggetto trovato, secondo gli scienziati, risalirebbe in un periodo compreso tra il primo e il quarto secolo dell’Era volgare. Il gioiello è costituito da tre perle di vetro giallo con un diametro di cinque millimetri, sul quale è stato posto un ornamento dorato.
I ricercatori hanno anche trovato del natron (carbonato idrato di sodio, deriva il suo nome dalla parola egizia del sale “Ntry“, che significa puro, divino), una sostanza chimica utilizzata anticamente dagli artigiani che lavoravano il vetro. La tecnica sembra corrispondere a quella usata nell’area mediterranea in epoca romana.

Un lungo viaggio

L’Impero romano controllarono la zona intorno al Mar Mediterraneo ( definito “Mare Nostrum” in lingua latina) tra il 27 e il 476 d.C.Secondo quanto dichiarato dagli storici. Romani si erano spinti nell’Estremo Oriente, per ragioni commerciali, in particolare in Cina. Non è impossibile quindi che manufatti e gioielli mediterranei si spingessero fino a zone così lontane dalla loro luogo di origine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *